«Giocare per far crescere squadra e società»

Ultimi articoli
Newsletter

Ultima uscita stagionale per Lakovic e compagni attesi all’Adriatic Arena

«Giocare per far crescere squadra e società»

Pancotto incoraggia i suoi. Alle spalle il mancanto accesso ai play off

Redazione Online

Ultima partita per la Scandone
Ultima partita per la Scandone

AVELLINO | La Sidigas Scandone Avellino chiude a Pesaro il suo tredicesimo campionato consecutivo in massima serie. Una stagione chiusa decisamente in crescendo per coach Pancotto e i suoi ragazzi, che hanno mancato di un soffio l’accesso ai play off: «Pesaro è l’ennesima ed ultima tappa da affrontare con la stessa cultura con cui abbiamo affrontato tutto il campionato e tutto il girone di ritorno – esordisce il coach marchigiano. - Non si smette mai di far crescere squadra e società e ogni partita deve essere lo spunto per migliorare questi valori. Vogliamo fare quest’ultimo gran premio nel modo migliore, anche se in emergenza, dovendo gestire la mancanza di giocatori infortunati. Ho lavorato facendo capire ai giocatori che hanno la possibilità di dimostrare valori come attaccamento ed orgoglio. Pesaro ha tanti giocatori di talento, dovremmo usare il nostro contropiede per aprire il campo, per trovare il miglior tiro, ma sarà fondamentale il lavoro difensivo, sia di tipo individuale che di squadra, lavorando e negando gli uno contro uno, mantenendo sempre alta la pressione e sul gioco tutto campo rientrando bene ed accoppiandoci subito. Siamo un emergenza, ma abbiamo orgoglio e voglia di giocare questa partita».

«Come si lavora sulla testa dei giocatori per questo tipo di partite?»
«Ho detto loro la verità, ho detto di giocare per la cultura della vittoria, mantenendo inalterato la qualità degli allenamenti e tutto quello che serve per arrivare preparati alla partita. Il coinvolgimento diventa fondamentale. Sappiamo di giocare un’ultima partita per città, tifosi e società e questo ci deve responsabilizzare».

«Dopo Pesaro che futuro? »
Ci rivedremo e ne parleremo a bocce ferme, ben consapevoli di aver fatto un ottimo lavoro. Ci vogliono i giusti tempi per prendere le decisioni. Non voglio creare pressioni su nessuno e voglio che la gente sia libera di scegliere. Credo, che chi venga incaricato debba avere fiducia e responsabilità per portare avanti un progetto e un percorso comune. Non mi piace mettermi davanti, sto al posto mio, anche se, come già detto, mi piacerebbe continuare questa esperienza.»

«Si sente parte della storia di questo club? »
Sono molto orgoglioso di avere fatto due percorsi differenti e positivi, con questa società. Tre anni fa ho allenato la terza squadra più giovane del campionato, mentre quest’anno una tra le più veterane. Ho dovuto risolvere difficoltà diverse, che però hanno aumentato il senso di appartenenza fatto a questa città e a questa società».

Venerdì 3 maggio 2013

© Riproduzione riservata

662 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: