«Niente torre d’avorio, il Municipio deve essere la casa di tutti i cittadini»

Ultimi articoli
Newsletter

Summonte | Ad un mese dalla rielezione il sindaco Giuditta incontra la comunità

«Niente torre d’avorio, il Municipio
deve essere la casa di tutti i cittadini»

Chiesta alla popolazione più partecipazione alla vita politica

Redazione Online

Pasquale Giuditta
Pasquale Giuditta

SUMMONTE | «Il Municipio non è la torre d’avorio ma la casa di tutti». Così Pasquale Giuditta, sindaco di Summonte nel corso di un incontro tenuto con la cittadinanza alla frazione Starze per ascoltare, proporre, discutere su temi che interessano la collettività. Con lui, Carmine Cristiano, assessore e vice-sindaco, Alessia Savelli, l’altro componente dell’esecutivo, Giovanni Mazza, Consigliere delegato, Maria Pisano, Architetto con delega all’urbanistica e Virginia Dello Russo (Politiche Sociali, Famiglia e Cultura).

GIUDITTA INCONTRA LA COMUNITÀ | A un mese dalla rielezione alla guida dell’Amministrazione, Giuditta ha incontrato la comunità della frazione summontese terra di confine con Avellino.

PUC E SVILUPPO | Si è discusso del PUC che contemplerà una idea dello sviluppo che punterà ad esaltare le caratteristiche dei «singoli pezzi» di Summonte, quindi il centro e le frazioni, Starze (I e II) ed Embriciera ma con una visione di «crescita integrata» (le linee guida di Giuditta). A seguire il Piano Urbanistico Comunale, attraverso la sua Delega sarà l’Architetto, Maria Pisano: «Ringrazio il sindaco per questo riconoscimento alla mia professionalità; sono soddisfatta in quanto andrò a operare nell’ambito delle mie competenze. Tra qualche giorno inizieremo il lavoro».

NUOVE REGOLE PER ABBRUCIAMENTO STOPPIE | Diverse le tematiche affrontate, grandi, piccole, singole. Tema caldo, quello dell’abbruciamento stoppie, residui vegetali che nell’ultimo anno soprattutto è stato al centro della cronaca. I cittadini hanno portato le loro idee al riguardo come ad esempio dire che l’orario giusto, secondo qualcuno, per le operazioni di bruciatura sarebbe dalle 12 alle 14. Sul tema il sindaco, Pasquale Giuditta ha evidenziato che la trattazione della materia è demandata «in primis» alla Legislazione nazionale. Il Primo Cittadino ha manifestato la disponibilità a farsi portare nelle sedi opportune di idee di mediazione che vengano incontro ai contadini, agli imprenditori agricoli ma non ha nascosto l’evidenza, ossia che la Legge in materia è molto stringente e questo perché negli ultimi anni è cresciuta molto la Cultura e la sensibilità ambientale, per questo occorre trovare la giusta mediazione che salvaguardi l’ambiente ma senza arrecare danni a chi la terra la lavora, a chi con il lavoro agricolo ci vive. Il Primo Cittadino ha portato un esempio, 30 anni fa si utilizzava l’eternit anche nelle costruzioni di piccole capanne oggi questo materiale è di fatto bandito . Sulla stessa lunghezza d’onda, Carmine Cristiano e Giovanni Mazza sottolineano che la virtù sta nel mezzo e quindi procedere con senso di responsabilità.

CITTADINI PIÙ PARTECIPI | In conclusione Pasquale Giuditta ha rinnovato l’invito ai cittadini «a partecipare alla vita amministrativa e sociale facendosi portatori di proposte così come fatto in questa occasione. Le Associazioni presenti sul territorio assumano un ruolo ancora di più propositivo e che siano anche portavoce delle Istanze; siano esse un tramite tra la Comunità, il Territorio e l’Amministrazione in modo da veicolare le problematiche e fare così che si possa agire con maggiore tempestività possibile». «Noi – conclude Giuditta - non siamo chiusi in una torre d’avorio, la casa comunale è la casa di tutti».

GIOVANI PROTAGONISTI | Giuditta infatti ha assegnato deleghe a diversi professionisti, a molti giovani anche al di fuori del Consiglio questo a manifestare la volontà e l’agire politico del sindaco e dell’Amministrazione nello stare vicino alla Comunità, di essere presente fisicamente sul territorio proponendo, ascoltando, operando.

Venerdì 28 giugno 2013

© Riproduzione riservata

963 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: